Collana  OTTAVO  -  n. 18

In Cantalupa, scena in tre atti con una businata

di Edoardo Zuccato

poemetto inedito in forma teatrale

stampato tipograficamente a mano con caratteri Garamond su carta Hahnemühle

150 esemplari numerati

formato 20x14,5 cm

febbraio 2009

copertina
copertina

 

Acqua ca va e ca vegn, la sâ e la nev,

mar e muntagna, mi capissi pü

in dua ca stó, a sügütà ’ndà innanz

e indré da süd a nord, da nord a süd.

Gió là gh’é i cà ca pâr nanca di cà,

cut ul tecc piatt temé di taulìtt

che ’l su, chel camerér da usteria

dul ciel, a quèrta sü vüna par vüna

tütt i dì cun ’na tuàja da ciar,

e i gent ca va lì ciapà ’l su hin lì fèrmi,

slongh e tiâ tamé di sfurzalìnn,

di curtèj, di micch da pan culurî

da ’na natüra morta; opür qui altàr

di capelétt picâ in pé a cà dal diàul

cut ul züfìtt tütt blö faj da ’n sbianchén

e la sò bèla tuàja da lén

e cume uferta, un mazz da fiur di prâ

che ’n quajghidön ’me ’na preghiera müta

l’ha bütâ lì a spirà via in da par lur.

 

 

*

 

 

Acqua che viene e va, la neve e il sale,

montagna e mare, non capisco più

dove abito, andando tutto il tempo avanti

e indietro da sud a nord, da nord a sud.

Laggiù ci sono case che non sembrano neanche case,

col tetto piatto come tavolini

che il sole, quel cameriere dell’osteria

del cielo, copre una per una

ogni giorno con una tovaglia di luce,

e le persone che vanno lì ad abbronzarsi stanno ferme

lunghe e distese come forchette,

coltelli, michette di pane colorite

di una natura morta; oppure quegli altari

delle cappellette costruite fuori mano

con il soffitto azzurro fatto da un imbianchino

e una bella tovaglia di lino

e come offerta, un mazzo di fiori di prato

che qualcuno come una preghiera muta

ha lasciato lì a morire da soli.

 

colophon stampato a due colori numerato
colophon stampato a due colori numerato