Collana  OTTAVO  -  n. 0

La lüs del ver

di Franco Loi

dodici poesie inedite in dialetto milanese

con traduzione italiana a cura dell'autore

stampato tipograficamente a mano con caratteri Garamond su carta Hahnemühle

150 esemplari numerati

formato 20x14,5 cm

luglio 2006

copertina
copertina

 

Mì vardi ne la nott, e la parola

l’è ’n fiâ, un sonn, un quaj cantà d’üsèll,

’na vûs luntana che traversa el mund...

Oh fis’c del mè scultà oh ’me l’è bèll

entrà nel vöj e fàss brascià dal vent!

La mia memoria süda la sua pèll

d’un temp antîgh, ’me ’n buff due par se sent

de quèla storia che passa ne la vita

el temp che mai l’è mort, sugnà di gent.

 

---------------------------------------------------------

 

Io guardo nella notte, e la parola | è un fiato, un suono, un qualche cantare d’uccello, | una voce lontana che attraversa il mondo... | Oh fischio del mio ascoltare oh com’è bello | entrare nel vuoto e farsi abbracciare dal vento! | La mia memoria suda la sua pelle | d’un tempo antico, come un soffio in cui pare sentirsi | di quella storia che passa nella vita | il tempo mai morto, il sognare delle genti.

 

colophon numerato
colophon numerato

Dal 13 gennaio al 2 febbraio 2019, presso la sala espositiva "Virgilio Carbonari" di Seriate (Bg), in piazza Alebardi 1, si tiene la mostra personale di Raffaele Bonuomo Tracce. In esposizione anche il quaderno Neve.

Il 19 e 20 gennaio siamo presenti al Salone della Cultura di Milano.